- Amici Inda_01

Vai ai contenuti

Menu principale:

Chi siamo
 


Statuto dell'Associazione

 

Art. 1

E’ costituita in Siracusa una associazione denominata “Amici dell’Istituto Nazionale del Dramma Antico”.
L’Associazione ha fissato la propria sede in Siracusa nel Corso Matteotti n. 29 presso gli uffici di Siracusa della Fondazione Istituto Nazionale per il Dramma Antico (INDA). L'anzidetta sede di Corso Matteotti n. 29 potrà essere trasferita in altro luogo per deliberazione del Consiglio Direttivo.
Il Consiglio Direttivo potrà inoltre istituire e sopprimere, anche a carattere temporaneo, sedi secondarie, uffici e delegazioni in qualsiasi località italiana ed estera.
L’Associazione è costituita a tempo indeterminato.


Art. 2


L’Associazione non ha fini di lucro e si propone:
a) di mantenere e salvaguardare le tradizioni e l’identità culturale dell’ Istituto Nazionale del Dramma Antico nello spirito dei suoi fondatori e nella continuità del suo patrimonio storico-culturale con particolare riferimento alle rappresentazioni teatrali nel Teatro Greco di Siracusa;
b) di contribuire a diffondere e  promuovere la cultura, teatrale con specifico riferimento alla drammaturgia classica greco-latina nonché ogni altra attività culturale ed artistica ad essa collegata anche attraverso la pubblicazione di testi e riviste e l’organizzazione di convegni, conferenze e dibattiti;
c) di diffondere e promuovere le rappresentazioni classiche presso il Teatro Greco di Siracusa e presso gli altri teatri e monumenti antichi della Città e della Sicilia;
d) di ricercare e favorire con ogni mezzo il coinvolgimento del pubblico ed in particolare dei giovani   negli scopi dell’associazione.

 

 

Art. 3


Gli aderenti all’Associazione possono essere persone fisiche o persone giuridiche e si distinguono in:

a) soci fondatori

Sono coloro che hanno sottoscritto l’atto costitutivo dell’Associazione.

b) soci sostenitori

Sono coloro che, in virtù di deliberazione del Consiglio Direttivo, contribuiscono agli scopi dell’Associazione con un versamento da determinarsi, quanto a forme e a misura, dall’Assemblea su proposta del Consiglio Direttivo, ovvero conferiscano beni materiali od immateriali all’Associazione che vengano valutati di valore equivalente o comunque non inferiore al predetto   versamento.

c) soci onorari

Sono coloro che, in virtù di deliberazione dell’Assemblea su proposta del  Consiglio Direttivo, si siano distinti per aver prestato attività di particolare rilievo nell’ ambito di quelle correlate agli scopi dell’ associazione.

d) soci aderenti

Sono coloro che, ammessi con tale qualifica con deliberazione del Consiglio Direttivo, condividono le finalità e gli scopi dell’Associazione e contribuiscono alla realizzazione degli obiettivi mediante  versamenti  annuali  nella  misura  stabilita annualmente dall’Assemblea su proposta del Consiglio Direttivo.
Le domande concernenti la richiesta di adesione dovranno essere presentate per iscritto ed indirizzate al Presidente dell’Associazione.
Tutti i soci hanno diritto di usufruire dei servizi fomiti dall’Associazione, e hanno facoltà di recedere in qualunque momento e senza obbligo di preavviso.
Il recesso dovrà essere comunicato con lettera raccomandata al Presidente dell’Associazione presso la sede dell’Associazione stessa ed avrà effetto immediato dalla data di ricevimento.
Il socio che viene meno alle disposizioni del presente statuto nonché con il suo comportamento arreca grave danno o pregiudizio anche d’immagine all’Associazione può essere sospeso con deliberazione del Consiglio Direttivo ed espulso dall’Associazione con delibera dell’Assemblea.
Il mancato pagamento delle quote associative per due annualità comporta la decadenza da socio che viene deliberata e dichiarata dal Consiglio Direttivo.

e) soci giovani

Sono coloro che, in età compresa da 14 a 18 anni, chiedono di essere ammessi a far parte dell’ Associazione e contribuiscono mediante un versamento simbolico nella misura stabilita annualmente dall’Assemblea su proposta del Consiglio Direttivo.
Il socio giovane può partecipare all’Assemblea dei soci senza diritto di voto e di intervento e usufruisce di tutte le facilitazioni ed agevolazioni previste per tutti gli altri soci.

 

 

Art. 4


L'Associazione attinge i mezzi per conseguire i propri scopi e le finalità:
a) dalle quote associative versate dalle varie categorie di associati;
b) da contributi pubblici e privati;
c) da proventi di proprie iniziative;
d) da donazioni, disposizione testamentarie ed ogni altro atto di liberalità proveniente da terzi.
Il patrimonio dell’Associazione viene amministrato dal Consiglio Direttivo in conformità allo statuto.


Art. 5

Gli organi dell’Associazione sono:
·    l'Assemblea dei soci;
·   il Consiglio Direttivo;
·   il Collegio dei Revisori;
·   il Presidente;
·   il Presidente onorario.


Art. 6

L’Assemblea è costituita dai soci fondatori, dai soci sostenitori, dai soci onorari e dai soci aderenti.
Hanno diritto di voto, purché in regola con il pagamento delle quote sociali, i soci fondatori, i soci sostenitori, i soci onorari ed i soci aderenti.
I membri del Collegio dei Revisori hanno diritto d’intervento senza diritto di voto.
L’Assemblea è costituita in sede ordinaria o straordinaria a secondo degli argomenti sottoposti a deliberazione.
L’Assemblea viene convocata dal Presidente a mezzo lettera o altra forma scritta inviata a ciascun avente diritto a partecipare almeno dieci giorni prima dalla data fissata per la riunione.
Le deliberazioni dell’Assemblea, tanto in sede ordinaria che straordinaria, sono prese in prima convocazione a maggioranza e con la presenza di almeno la metà più uno degli associati aventi diritto al voto, mentre in seconda convocazione sono assunte a maggioranza qualunque sia il numero degli intervenuti.
L’Assemblea è convocata almeno una volta 1’anno ed in particolare delibera in ordine alla
·   approvazione del bilancio d’esercizio e della relazione al bilancio redatta a cura del Consiglio Direttivo;
·   nomina e revoca dei membri del Consiglio Direttivo e del Collegio dei Revisori;  
·   nomina soci onorari su proposta del Consiglio Direttivo;
·   nomina il Presidente Onorario su proposta del Consiglio Direttivo;
·   espulsione soci;
·   determinazione della quota associativa su proposta del Consiglio Direttivo;
·  modifica dello Statuto le cui deliberazioni dovranno essere adottate in prima convocazione con il voto favorevole di almeno 3/4 degli associati aventi diritto al voto, mentre in seconda convocazione è richiesta la presenza della metà più uno degli aventi diritto ed il voto favorevole della maggioranza;
· scioglimento dell’Associazione la cui deliberazione tanto in prima quanto in seconda convocazione dovrà essere adottata con il voto favorevole di 3/4 degli aventi diritto al voto.

 

 

Art. 7

L’Associazione è amministrata da un Consiglio Direttivo composto da sette componenti scelti tra tutti i soci e nominati dall’Assemblea.
Nell’ipotesi in cui il socio eletto è una persona giuridica questa dovrà provvedere alla designazione di una persona fisica che la rappresenterà in via esclusiva all’interno del Consiglio Direttivo.
Il Consiglio Direttivo rimane in carica tre anni ed i suoi membri sono rieleggibili.
Il Consiglio Direttivo elegge tra i propri membri il Presidente, un Vice Presidente, il Tesoriere ed il Segretario.
Il Consiglio Direttivo si riunisce almeno una volta a semestre ed ogni qualvolta il Presidente, o almeno 1/3 dei componenti, lo ritengono necessario.
Le riunioni sono convocate dal Presidente del Consiglio con lettera o altra forma scritta da inviarsi a ciascun componente almeno sette giorni prima della riunione indicando, il giorno, l’ora, il luogo della riunione e l’ordine del giorno.
In caso d’urgenza la convocazione può essere fatta anche a mezzo telegramma o fax o e-mail almeno due giorni prima.
Il Consiglio Direttivo delibera validamente con la presenza della maggioranza dei suoi componenti in carica e le deliberazioni vengono adottate a maggioranza.
Nell’ipotesi di votazione in parità prevale il voto del Presidente. Il verbale delle riunioni del Consiglio Direttivo è redatto dal Segretario e viene controfirmato dal Presidente.
I nomi dei consiglieri assenti vengono riportati nel verbale e l’assenza ingiustificata alle riunioni per tre volte consecutive determina la decadenza automatica del consigliere dalla carica.
Qualora durante il mandato venisse a mancare per qualsiasi ragione uno o più componenti del Consiglio Direttivo sarà possibile la sostituzione mediante cooptazione con il voto favorevole della maggioranza dei componenti.
Il mandato del componente di nuova nomina scade con quello del Consiglio Direttivo del quale entra a fare parte.
Il Consiglio Direttivo ha tutti i poteri per 1’ordinaria e straordinaria amministrazione dell’Associazione compiere tutti gli atti e tutte le operazioni direttamente o indirettamente finalizzate al perseguimento degli scopi e delle finalità indicate nello statuto, delegando anche a taluno dei    componenti il compimento di atti e di operazioni.
La carica di consigliere è gratuita.
In particolare tra le attribuzioni del Consiglio Direttivo rientrano:
·  la convocazione dell’Assemblea e la compilazione del relativo ordine del giorno;
·  la redazione del bilancio e della relazione da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea;
·  la decisione in ordine all’ammissione di nuovi soci;
·  la sospensione dei soci e la decadenza nella ipotesi di mancato pagamento delle quote sociali.

 

 

Art. 8

Il Presidente dell’Associazione è il presidente del Consiglio Direttivo e viene nominato tra i propri componenti a maggioranza.
Il Presidente ha la rappresentanza dell’Associazione di fronte a terzi ed in giudizio.
Convoca il Consiglio Direttivo, assegna gli incarichi all’interno del Consiglio Direttivo, può conferire altresì la rappresentanza per determinati atti od operazioni ai singoli consiglieri.
La carica di Presidente dell’Associazione è gratuita.

Art. 9

Il Presidente Onorario viene eventualmente nominato dall’Assemblea, anche su eventuale proposta del Consiglio Direttivo, tra coloro che hanno contribuito in maniera determinante al consolidamento della tradizione e della storia dell’ INDA e si sono distinti nella conoscenza e divulgazione del teatro antico.
Il Presidente Onorario non ha la rappresentanza dell’Associazione e presiede, ove presente, l’assemblea dei soci.
Ha facoltà d’ intervento nel Consiglio Direttivo senza diritto al voto

Art. 10

Il Collegio dei Revisori è composto da tre componenti, anche  non soci, che eleggono tra loro il Presidente e rimane in carica tre anni.
Viene nominato dall’Assemblea, vigila sull’andamento ordinato dell’attività dell’Associazione con particolare riferimento alla tenuta della contabilità e provvede a relazionare annualmente del proprio operato in sede di approvazione del bilancio d’esercizio.
I membri del Collegio dei Revisori hanno diritto d’intervento alle riunioni del Consiglio Direttivo,
La carica di revisore è gratuita.

Art. 11


In caso di scioglimento dell’Associazione il patrimonio sarà interamente devoluto alla Scuola di Teatro “Giusto Monaco” che ne otterrà la titolarità al netto dei costi necessari per sostenere le operazioni di scioglimento.


Art. 12

Per quanto non previsto e contemplato dal presente statuto si fa riferimento ai principi generali dell’ordinamento giuridico ed alle specifiche norme vigenti in materia.

Siracusa 24 marzo 2003

Seguono le firme dei 23 soci fondatori

 
 
 

 

 
Torna ai contenuti | Torna al menu